creazioni-siti-web-roma

NonSoloGossip

Curiosità, news e tanto altro dalla tv al web

Gigi Proietti è morto, addio al grande attore nel giorno dei suoi 80 anni

Con un straordinario senso dei tempi teatrali Gigi Proietti ci ha lasciato nella notte, il 2 novembre, nel giorno proprio del suo 80esimo compleanno. Era nato infatti a Roma il 2 novembre del 1940. In questi tempi bui e tristi si spegne un altro grandissimo italiano e soprattutto uno dei simboli di Roma.
Mattatore, trasformista, affabulatore, in tantissimi modi era stato definito Gigi Proietti che nella sua sterminata carriera è stato attore di teatro, cinema e tv, cantante, doppiatore, conduttore e infine direttore artistico con l’ultima esperienza alla guida del Globe Theatre Silvano Toti di Roma. In circa 50 anni di attività ha così collezionato 33 fiction, 42 film, 51 spettacoli teatrali di cui 37 da regista, oltre ad aver registrato 10 album come solista e diretto 8 opere liriche.

Gigi Proietti, gli esordi della carriera

Ben 55 anni dei suoi 80 appena compiuti Gigi Proietti li aveva passati tra palcoscenici, set cinematografici e studi televisivi. Il suo nome completo era Luigi Proietti ed era considerato da molti critici l’erede di Ettore Petrolini. Nato a Roma il 2 novembre del 1940, dopo la maturità classica si era iscritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università La Sapienza per interrompere gli studi a soli sei esami dalla laurea. Proietti aveva già esordito, a 14 anni, come comparsa nel film di Vittorio Duse del 55 Il nostro campione.

Poi lo troviamo in un altro piccolo cameo diretto da Ettore Scola nel ’64 in Se permettete parliamo di donne. Nel ’66 debutta sul grande e sul piccolo schermo nel ruolo di un maresciallo dei carabinieri, per ironia della sorte trent’anni dopo interpreterà lo stesso personaggio con straordinario successo nella serie tv Il maresciallo Rocca. Il primo ruolo da protagonista al cinema glielo offre Tinto Brass nel ’68 nel suo film L’urlo. Il primo vero successo per Proietti arriva però nel 1970 quando viene improvvisamente chiamato a sostituire Domenico Modugno, che aveva avuto un incidente, nella parte di Ademar nella commedia musicale di Garinei e Giovannini Alleluja brava gente.

Gigi Proietti e gli anni Settanta

Gli anni ’70 sono fondamentali per la carriera di Proietti che, pur non avendo mai pensato al teatro e dopo essersi iscritto per caso al Centro Teatro Ateneo e avere studiato con personaggi del calibro di Arnoldo Foa’, Giulietta Masina e Giancarlo Sbragia, inizia i suoi famosi One man show. Proietti intuisce che deve affrontare il palcoscenico da solista per non restare ingabbiato nei ruoli da comprimario. Nel ’76 incontra lo scrittore Roberto Lerici con il quale scrive e dirige i suoi spettacoli più celebri, da A me gli occhi, please a Come mi piace e Leggero leggero.

Gli anni ’70 sono fondamentali anche per la carriera di proietti sul grande schermo: recita da protagonista in pellicole come Gli ordini sono ordini , Meo Patacca, Conviene far bene l’amore, Languidi baci, perfide carezze e Casotto, film del 1977 dove recita accanto a Ugo Tognazzi e una giovane Jodie Foster. In quegli anni è diretto anche da registi internazionali come Sidney Lumet, Robert Altman, Ted Kotcheff e Bertrand Tavernier. Il ruolo che però lo rende davvero ‘pop’ è quello di Bruno Fioretti detto Mandrake in Febbre da cavallo di Steno, pellicola diventata ormai un vero ‘cult’. Cinema, teatro ma anche radio dove Proietti ottiene un grande successo partecipando per due stagioni (1973-74 e 1975-76) alla trasmissione Gran Varietà dove interpreta prima Avogadro il ladro e poi un irresistibile tombeur de femme a parole.

Nel 1978 dà vita al suo Laboratorio di Esercitazioni Sceniche per giovani attori dopo avere assunto la direzione artistica del Teatro Brancaccio di Roma. Tra i suoi allievi ci sono nomi ormai diventati celebri nel mondo dello spettacolo, tra i quali Flavio Insinna, Massimo Wertmüller, Rodolfo Laganà, Chiara Noschese, Enrico Brignano, Giorgio Tirabassi, Francesca Reggiani e Gabriele Cirilli.

Gigi Proietti doppiatore

Oltre al teatro, al cinema e alla tv Proietti si cimenta con successo anche nel doppiaggio dando voce a Gatto Silvestro già nel 1964 e a diversi divi del grande schermo, da Robert De Niro a Charlton Heston, Richard Burton, Marlon Brando, Sylvester Stallone e Dustin Hoffman. Doppia anche i due draghi siamesi Devon e Cornelius nel film d’animazione La spada magica – Alla ricerca di Camelot, dove usa due toni di voce diversi.

Gigi Proietti e Il maresciallo Rocca

In tv è anche conduttore televisivo in Fantastico 4 del 1983 diretto da Enzo Trapani, ma anche regista televisivo nel 1990 della celebre sitcom Villa Arzilla, dove appare anche in brevi cameo nei panni del giardiniere. Dopo vari telefilm il successo arriva nel 1996 con la serie Il maresciallo Rocca diretto da Giorgio Capitani, nella quale Proietti interpreta il ruolo di Giovanni Rocca, vedovo con tre figli, maresciallo comandante della stazione dei Carabinieri di Viterbo, che si innamora di una farmacista, interpretata da Stefania Sandrelli. La fiction è arrivata a conquistare anche 16 milioni di telespettatori, un successo che non l’ha mai abbandonato in tv e che è continuato con L’avvocato Porta e con la fortunata fiction Una pallottola nel cuore.

Nel 2002 torna al cinema nel ruolo di Mandrake nel sequel Febbre da cavallo – La mandrakata, diretto dal figlio di Steno, Carlo Vanzina. Un “ritorno sul luogo del delitto”, come lo ha definito lo stesso Proietti, che però gli frutta un Nastro d’argento come miglior attore protagonista. Infinite sono le partecipazioni televisive dell’attore romano che nel frattempo, nel 2003, diventa direttore artistico del teatro scespiriano Silvano Toti Globe Theatre, nato a Villa Borghese a Roma da una sua idea.

Gigi Proietti le sue ultime apparizioni

Tra le ultime apparizioni televisive e cinematografiche ci sono quelle del 19 gennaio 2019 quando conduce in diretta su Rai1 l’evento inaugurale di Matera capitale europea della cultura 2019 alla presenza del presidente del consiglio Giuseppe Conte e del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Il 12 marzo dello stesso anno compare nella prima puntata di Meraviglie – La penisola dei tesori condotto da Alberto Angela e a dicembre è al cinema con Pinocchio, il film di Matteo Garrone in cui interpreta Mangiafuoco.

Da vero artista poliedrico, Proietti si cimenta anche nella scrittura e nel 2013 esordisce con un’autobiografia intitolata Tutto sommato qualcosa mi ricordo. Tra ricordi e aneddoti, pubblicata da Rizzoli. Alla fine del 2015 pubblica, ancora con Rizzoli, un nuovo libro dal titolo Decamerino. Novelle dietro le quinte: una raccolta di racconti, aneddoti e componimenti in versi de-camerino, ossia nati nel camerino, nel dietro le quinte del teatro.

L’ultima volta sul set

Gigi Proietti tornerà ancora una volta al cinema, si proprio lui che si lamentava sempre di aver fatto in fondo pochi film, con Marco Giallini e la regia di Edoardo Falcone in Io sono Babbo Natale annunciato, sempre che i cinema riescano a riaprire, per il 3 dicembre. E saluterà come piaceva a lui, in commedia.

Fonte: Tvzap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy