creazioni-siti-web-roma

NonSoloGossip

Curiosità, news e tanto altro dalla tv al web

Quando è il momento migliore per andare a correre?

Anche se la stagione del jogging è ufficialmente finita, stai ancora cercando dei motivi per cui non dovresti andare a correre in questo momento. Per esempio, ti ritrovi nel dilemma di quando è ancora meglio allenarsi – la mattina o la sera? Per capire se è più salutare correre la mattina o la sera, abbiamo parlato con due esperti e siamo giunti alla conclusione che la cosa più importante è conoscere il proprio obiettivo e iniziare finalmente ad allenarsi già.

Hai bisogno di prepararti per una corsa?

La maggior parte delle persone per qualche motivo pensa di potersi tranquillamente svegliare, uscire al parco o venire al fitness club, entrare in pista e iniziare a correre. Il problema è che devi sapere come farlo, e il tuo corpo deve essere preparato per questo tipo di esercizio. Se non hai fatto nessuna attività fisica negli ultimi due mesi, devi iniziare a correre non solo con una corsa, ma con alcuni esercizi fisici generali per preparare il tuo corpo. Altrimenti si affrontano cose poco piacevoli, che nell’ambiente medico si chiamano sindrome della tibia spaccata, speroni del tallone, condromalacia della rotula e così via. In particolare, quegli stessi dolori alla schiena e alla cervicale sono solo dei piccoli “bonus” che possiamo ottenere se prendiamo e cominciamo a correre senza entrare veramente nel processo. La corsa non è solo un’attività fisica, è un’intera scienza e filosofia e deve essere affrontata di petto.

Quali sono i benefici della corsa?

Se la tua salute è buona e vai a correre, a fare jogging o semplicemente a camminare, la rete capillare nel corpo aumenta, sempre che il tuo sistema endocrino sia normale e non ci siano problemi muscolo-scheletrici. Cosa ti dà la rete capillare? Il corpo è in grado di fornire meglio l’ossigeno ai muscoli. Di conseguenza, impegnandosi in qualsiasi attività, quotidiana in particolare, sarete in grado di utilizzare meglio il grasso come carburante, cioè di perdere peso.

Da cosa dipende se una persona può correre al mattino?

Penso che dipenda unicamente dal desiderio della persona stessa e dalla sua pigrizia. Per me, la cosa più difficile è svegliarmi un’ora e mezza prima al mattino, fare una doccia, andare a correre e poi fare un’altra doccia. Bisogna anche avere il tempo di fare colazione prima della corsa stessa. Quindi è una questione di tempi: se vai a letto all’una o alle due di notte e sei al lavoro alle 9, dubito che sarai in vena di fare una corsetta mattutina.

Molto della corsa dipende dalle tue scarpe da corsa. Lorenzo Begun – ha scritto una grande recensione delle scarpe da corsa Adidas Solar Glide St

Posso correre subito dopo essermi svegliato a stomaco vuoto?

No, a meno che non si voglia rovinare e rovinarsi completamente. Molte persone potrebbero dire: “Beh, che dire, è così utile. È probabile che vi farete molto male. Quando ti svegli, il tuo corpo è molto povero di glicogeno, perché per tutta la notte non hai mangiato o bevuto nulla. E al mattino hai bisogno di una colazione normale e adeguata e solo dopo di attività fisica.

Cosa si deve fare se ci si sente male dopo una corsa mattutina?

  • Uno: chiedersi se sono malato.
  • Secondo: chiedermi se ho fatto colazione.
  • Terzo: controllare me stesso e il mio corpo per vedere se è pronto a correre.
  • Quarto: usa un cardiofrequenzimetro per tenere traccia delle zone in cui stai correndo. Questo è importante per non sentirsi male.

Se dopo una corsa ti senti stordito, nauseato e follemente affamato, significa che hai corso troppo. Se durante la corsa hai ingurgitato avidamente ossigeno, hai avuto il fiato corto, allora hai corso troppo intensamente. Quindi la cosa più semplice da fare è comprare un cardiofrequenzimetro e attenersi a certe zone di frequenza cardiaca mentre si corre: seconda e terza, blu e verde. Poi possiamo parlare di come non farsi male mentre si corre.

C’è una differenza fondamentale tra la corsa del mattino e quella della sera?

È importante prendere in considerazione lo stile di vita di una persona. Molto probabilmente, dopo l’allenamento mattutino ha un’intera giornata di lavoro davanti a sé. E non ha bisogno di uccidersi perché poi tutto il giorno il corpo si rompa. Pertanto, al mattino si dovrebbe iniziare a correre lentamente, aumentando gradualmente la velocità, ma dovrebbe comunque essere confortevole per il corpo.

Correre la sera è diverso in quanto una persona esce a correre dopo un’intera giornata di lavoro. E si dovrebbe capire perché si corre la sera. Ci sono momenti in cui non vuoi allenarti, la tua motivazione cala, ma tutte queste sono illusioni. Quando iniziate a correre, assicuratevi di fare un riscaldamento prima, il flusso di sangue aumenterà e la fatica andrà via. Ti libererai anche dello stress. Ma non puoi esagerare durante una corsa serale: il tuo sistema nervoso può diventare sovraeccitato, quindi può essere difficile addormentarsi.

Quando il corpo brucia più calorie?

Naturalmente, nella prima metà della giornata, poiché il nostro metabolismo è accelerato e siamo molto attivi durante questo periodo di tempo. E se vi siete allenati al mattino, allora la combustione delle calorie è più veloce ed efficace. Ma tenete conto del fatto che la maggior parte delle calorie vengono bruciate quando si butta la legna nel forno: vale a dire, dovreste mangiare spesso e poco, circa ogni tre ore. Allora le calorie saranno bruciate più velocemente.

Dobbiamo anche capire quali calorie bruciamo: se sono grassi o glicogeno nei muscoli. Qui si tiene già conto delle zone di frequenza cardiaca e, per esempio, se si fa un allenamento a bassa intensità, cioè che dura tra 60 e 90 minuti, sarà possibile bruciare calorie dal grasso. Prima bruciano nei muscoli, poi quando continuiamo ad essere attivi durante il giorno, mangiando spesso e i cibi giusti (ma questo è un argomento a parte), il corpo comincia a tirare fuori il grasso sottocutaneo e ad espellerlo nei muscoli. È così che si bruciano le calorie di grasso.

Quanto spesso e per quanto tempo dovresti correre?

La domanda è interessante e retorica, ma ci sono già alcuni sviluppi generali. Se prendiamo una persona media, meno attiva, per esempio un impiegato d’ufficio o un altro con uno stile di vita sedentario, la frequenza dovrebbe essere da due a tre volte alla settimana. Questo è un minimo approssimativo.

La durata dovrebbe essere da 30 a 90 minuti. E dovrebbe durare per tutta la vita, perché correre è una qualità innata, come mangiare o lavarsi. Allora il corpo sarà sano e forte. Ma qui dovremmo prendere in considerazione alcuni punti che correre spesso e per molto tempo può essere percepito da una persona come un esaurimento speciale del suo organismo. Ecco perché è possibile alternare la corsa con la camminata: correre per un minuto, camminare per un minuto. Non c’è bisogno di renderlo un allenamento duro o una sfida a se stessi. Naturalmente, è possibile caricarsi di tanto in tanto, ma in generale, correre dovrebbe essere per piacere e per piacere.

Cosa fare se ti senti male dopo una corsa mattutina?

Bisogna cercare il motivo: come corre una persona, se si allena a lungo, se si esercita a stomaco vuoto o no, se dorme abbastanza o se va al bar la sera. Per far fronte alla cattiva salute, è necessario fare quanto segue: seguire un regime di bere durante il giorno e mangiare regolarmente. Cioè, si fa colazione, pranzo e cena con spuntini in mezzo. Se è diventato molto male, allora cercate di assegnare un’ora di riposo durante il giorno (soprattutto dai gadget). Naturalmente, agisci dopo, segui la tua corsa e magari passa a camminare in futuro.

Perché la maggior parte degli atleti professionisti sceglie di correre al mattino?

Per quasi tutte le persone, fare jogging al mattino è un rituale, una ricarica, un’opportunità per entrare nell’umore per il giorno successivo. Gli atleti professionisti possono avere almeno due allenamenti in più in un giorno. Quindi, una corsa mattutina è solo un allenamento, poi si riposano per due ore, e dopo hanno il loro primo allenamento sempre per due ore. Poi si riposano di nuovo, pranzano e dormono. La sera escono per un secondo allenamento. Se parliamo di corridori professionisti, corrono da tre volte al giorno con un carico pesante.

Author: Lorenzo Begun

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy